FAKT - architetti

(Jonas Tratz, Martin Tessarz e Sebastian Kern)

confined nature, 2020
Installazione site-specific (scala cimiteriale, disegno, proiezione)

Dal 2013 i tre architetti Sebastian Kern, Martin Tessarz e Jonas Tratz lavorano insieme sotto lo pseudonimo FAKT. Le attività dello studio sono molto varie e spaziano da concreti progetti edilizi a progetti urbanistici fino all'insegnamento universitario.
FAKT contribuisce a Villa Massimo si avvicina con un'installazione dal titolo confined nature (La natura confinata). L'opera è una riflessione su più livelli dedicata al soggiorno degli architetti a Villa Massimo e, in generale, a Roma.
Una scala cimiteriale - posta all'esterno del parco - invita lo spettatore a guardare oltre le mura di Villa Massimo. Dall'ultimo gradino, però, non si vede solo il giardino dell'Accademia Tedesca, solitamente chiuso al pubblico.
Dinanzi a noi vediamo uno schermo di 2,4 x 3 m, con un delicato disegno realizzato a mano raffigurante il complesso di Villa Almone, la residenza dell'ambasciatore tedesco a Roma. La proiezione permette allo spettatore di ammirare entrambe le enclave di giardini romani. Le due ville entrano in relazione tra loro e indirizzano lo sguardo sul tipo di edificio e sui suoi elementi: quieti giardini, edifici di rappresentanza, dependance minori.
Durante il loro soggiorno, gli architetti hanno notato nel parco di Villa Almone una piccola dependance fatiscente, che come la Bella addormentata nel bosco attende una nuova destinazione d'uso. Un padiglione classico, da trasformare in una galleria all'aria aperta, da sfruttare tutto l'anno per diverse manifestazioni: un luogo pubblico in un parco chiuso al pubblico.

Eike Roswag

Gabriele Basch

Anne Boissel

Matthias von Ballestrem

Sigrid Penkert

Maix Meyer

Jay Schwartz

Jorg Sieweke

Peter Zizka

Nezaket Ekici